in

Sotto la pioggia è meglio correre o camminare?

Ve lo siete sempre chiesti, eh? Ecco una risposta (quasi) definitiva.

Due stili a confronto.

Sei per strada e comincia a piovere, ovviamente non hai ombrello o impermeabile. Naturalmente vorresti raggiungere la destinazione (o il primo riparo disponibile) bagnandoti il meno possibile. Cosa fai, corri o cammini? Quale sarà la strategia migliore?

Quello che emerge da svariate ricerche, teoriche e sperimentali, è che la quantità di pioggia che cade sulla testa e sulle spalle è costante in una data quantità di tempo, sia che siamo fermi, sia che siamo in movimento, come d’altronde sembra logico.

Invece la quantità d’acqua che ci colpirà “frontalmente” lungo la strada dipende dalla lunghezza del tragitto ma non dalla velocità a cui lo percorriamo, nonostante possa sembrare strano (perlomeno questo vale in condizioni di pioggia costante verticale, senza vento).

A questo punto, siccome la distanza che dobbiamo percorrere è quella che è, l’unica cosa che possiamo fare è diminuire il tempo impiegato, quindi correndo! Ciononostante, pare che in realtà il grosso del beneficio lo si ottenga facendo una corsetta leggera, tra l’altro evitando di sfinirsi e diminuendo il rischio di cadute!

Questi risultati abbastanza semplici sono stati ricavati supponendo il corpo abbia una forma molto semplice, e considerando che non sia presente vento. Infatti per avere una risposta più accurata occorre valutare: la corporatura di un individuo (con particolare attenzione al rapporto tra altezza e larghezza), la direzione del vento e… le dimensioni delle gocce di pioggia!.

Se sei molto magro, è più probabile che ci sia una specifica velocità ottimale. Se invece la pioggia è accompagnata dal vento le cose cambiano: se esso soffia da dietro probabilmente esiste una velocità ottimale, che può anche essere la stessa del vento. Insomma, possiamo dire che ci sono molte altre variabili che andrebbero tenute in considerazione per dare una risposta più precisa, ma tendenzialmente conviene correre. Buone corse!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

comments

Perché si formano i nei?

La genetica influenza il carattere di una persona?