in

Perché si prova imbarazzo?

Una sensazione di disagio che conosciamo tutti… ma cosa c’è dietro?

Un bambino imbarazzato si nascondo il viso con le mani
Un bambino piuttosto imbarazzato

Ad alcune persone capita più spesso che ad altre: si arrossisce in viso, la voce si altera, si dimostra una certa irrequietezza motoria, qualcuno ride sotto i baffi… ecco i “sintomi” dell’imbarazzo! Un’emozione che tutti abbiamo provato e che nasce spontaneamente come tutte le altre sensazioni. Ma perché? E in quali situazioni?

Si prova imbarazzo in quei momenti in cui la propria immagine pubblica viene messa in crisi: può accadere in una situazione in cui non si sa bene come comportarsi (come quando si è in due in ascensore), quando vengono violate le regole convenzionali sociali (un peto rumoroso in pubblico), o quando in una data circostanza la propria autostima viene meno (di norma siete bravi in qualcosa ma in quella occasione avete sbagliato).

In definitiva l’imbarazzo consiste in una reazione automatica ad una situazione in cui ci rendiamo conto di fare qualcosa che ci rende poco desiderabili come membro del nostro gruppo sociale. Si tratta di un meccanismo di difesa iscritto nel DNA della specie umana: in quanto animale sociale, essere odiati o esclusi dal proprio gruppo è qualcosa di orribile che, soprattutto nella preistoria, poteva tradursi in una condanna a morte. Se non provassimo imbarazzo commetteremmo sicuramente molti più errori e azioni sgradite al nostro gruppo sociale correndo il rischio di esserne esclusi!

L’imbarazzo rivela quindi anche cosa conta per noi: imbarazzarsi di fronte a qualcuno significa che per noi è importante, che gli attribuiamo un grande valore!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

comments

Ragazza in riva al mare si abbronza

Quali sono gli alimenti che aiutano l’abbronzatura?

Targhe di Roma.

Come si stabiliscono le sigle delle province?