in ,

Perché si formano code di auto senza motivo?

Dico, va bene se c’è stato un incidente, ma solitamente non è successo proprio nulla… quindi perché?

Ingorgo in città durante l'ora di punta.

Ogni automobilista ha subito ingorghi stradali “fantasma”, in cui cioè il traffico intenso si ferma senza motivo apparente. Continui a pensare: “ci deve essere un incidente, dei lavori in corso o qualcosa del genere”, poi guidi, guidi e guidi … e non c’era proprio nulla di che. Quindi cosa succede? Si può evitare?

Sono molteplici le cause che possono determinare la formazione delle code: un brutto incidente, curiosi che rallentano per guardare, cantieri stradali, etc., e molto spesso accade che, nel momento in cui il traffico torna a scorrere nel punto in cui ti trovi, l’evento che ha provocato la coda è stato risolto.

Molto spesso però le code si generano perché la capacità di una strada è inferiore alla portata del flusso di veicoli in transito. Se versiamo molto velocemente del liquido in un imbuto ad un certo punto esso smette di scendere e addirittura risale, questo perché nella strozzatura dell’imbuto può passarne solo una certa quantità in un certo tempo; per far sì che il liquido continui a scendere dobbiamo smettere di versare il liquido permettendo al flusso in eccesso di esaurirsi.

Quindi quando il flusso di automobili è superiore a una certa soglia, si dice che è in uno stato critico, in cui basta una minima perturbazione, causata banalmente da una distrazione, una frenata, un cambio di corsia, spesso dall’immissione da una rampa, per generare “onde” di traffico che possono perdurare per ore e ore.

Più in dettaglio un ingorgo “fantasma” inizia quando un’auto nel traffico pesante rallenta anche leggermente, il che fa rallentare ancora di più la macchina dietro a quel veicolo – e l’azione di rallentamento si diffonde all’indietro come un’onda, spesso peggiorando man mano che avanza (o, per meglio dire, indietreggia). Alla fine, le macchine molto indietro sono costrette a fermarsi completamente o rischiano di colpire i veicoli più lenti davanti – e quindi il traffico si ferma senza apparente motivo.

Purtroppo queste “code fantasma” sono difficili da eliminare, e al contrario si generano facilmente, in questo video si vede come si formi “autonomamente” un’onda di traffico che “viaggia” in senso inverso al senso delle auto. Agli autisti è stato detto di proseguire tutti alla stessa velocità, ma dopo non molto gli spazi si restringono da una parte e si allargano da un’altra, creando una vera e propria congestione.

Questo esperimento è stato fatto anche con dei robot, e il risultato è rimasto lo stesso. Nella seconda parte i robot si mantengono ad una distanza media tra chi li segue e chi li precede, e il risultato cambia!

Quindi vi starete chiedendo: cosa si può fare per evitare questo spiacevole fenomeno, che oltre a farci perdere tempo ovviamente fa perdere alla collettività anche moltissimo denaro?

Dunque, non bisogna guidare aggressivamente, cambiando sempre corsia; non seguire da vicino l’auto che ci precede, sennò appena frena siamo costretti a frenare, e così via a catena. Bisogna lasciare spazio alle auto che si immettono dalle rampe, e, viceversa, non bisogna immettersi subito, bensì più in avanti possibile.

In questo video, una risoluzione “alternativa” che ha portato Stoccolma ad attenutare il problema del traffico in città.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

comments

Simbolo di rischio di radiazione non ionizzante

Il microonde è pericoloso?

Pacchi di pasta

Perché nelle confezioni di pasta ci sono dei numeri?