in ,

Perché quando urliamo o parliamo molto restiamo senza voce?

Scopriamo cosa succede al nostro corpo.

Se ci si sforza si resta senza voce.

A tutti sarà capitato. Una domenica allo stadio, una serata al karaoke, o una lunga giornata a parlare in mezzo al frastuono, e… addio voce.

Innanzitutto, come si genera la voce? Essa è il risultato della sincronia tra polmoni, laringe, corde vocali (due lembi muscolo-tendinei posizionati all’interno della laringe) e bocca. L’aria proveniente dai polmoni incontra le corde vocali, che nel frattempo si sono avvicinate, e le fa vibrare, producendo il suono. Questo viene amplificato dalla laringe e articolato dalla bocca, principalmente dalla lingua e dalle labbra. Quando si respira senza produrre suono le corde vocali sono aperte e quindi l’aria passa senza farle vibrare.

In caso di forte e/o prolungato stress vocale, ossia di abuso della voce, si può avere una infiammazione della laringe, detta laringite. La voce diventa roca e si abbassa (raucedine) poiché le corde vocali non vibrano come dovrebbero, essendo irritate e gonfie. In casi estremi può addirittura scomparire quasi del tutto, condizione detta afonia.

Per fortuna la maggior parte delle volte basta un po’ di riposo e tutto torna alla normalità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Bucato

Perché il bucato si chiama così?

Un navy ripara una conduttura dell'acqua

Perché quando fa molto freddo le tubature possono esplodere?