in ,

Perché il ventilatore ci rinfresca?

Spesso è l’unico sollievo disponibile… ma perché? L’aria mossa dal ventilatore è più fresca?

Fido compagno delle lunghe giornate estive.

Certo, non è un condizionatore, ma il ventilatore ci aiuta a superare, più o meno indenni, il caldo estivo. Ma come fa? Raffredda l’aria? No, l’aria è sempre quella, anzi…

Normalmente, quando la temperatura ambientale è elevata, il nostro corpo mantiene costante la temperatura allontanando il calore in eccesso grazie al processo di traspirazione, ossia al sudore. Il corpo trasuda acqua (e sali minerali e altre sostanze) che, a contatto con l’aria, evapora sottraendo calore al corpo (l’evaporazione richiede energia), e quindi lo raffredda.

Quando l’aria è ferma, lo strato di aria prossimo al corpo si riscalda un po’ e con l’evaporazione del sudore si satura di umidità; altra acqua non può quindi evaporare, perciò il calore si smaltisce molto meno efficientemente. È qui che ci torna utile la ventilazione, nella forma del ventilatore!

Utilizzando un ventilatore, che mette in rapido movimento l’aria, quella calda e satura di vapore si allontana dal nostro corpo, e ne giunge di “nuova” e relativamente più fresca; inoltre il movimento d’aria facilita l’evaporazione dell’acqua e quindi la traspirazione, aiutando dunque ad abbassare la temperatura corporea.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Perché la perpetua si chiama così?

Perché in quota l’acqua bolle prima?