in

Perché il punteggio del tennis è 15, 30, 40?

Non sarebbe stato più semplice 1, 2, 3 e 4? Oppure 10, 20, 30 e 40?

Il tennista serbo Novak Djokovic mentre si allunga per recuperare una palla.

Nel tennis, per vincere un game è necessario fare quattro punti: 15, 30, 40 più un altro. Se ci si trova sul 40 pari, per vincere il game bisogna prima ottenere un punto di vantaggio e poi ottenerne un altro, in modo da avere due punti di vantaggio sull’altro tennista. Ma, allora, non sarebbe stato più semplice indicare i punti con 1, 2, 3 e 4? Da dove deriva il punteggio utilizzato?

Due sono le ipotesi più accertate, visto che ad oggi non è stato possibile avere dei dati certi.

La prima risale al Medioevo (Iil tennis fu inventato a fine ‘800) e dice che, nel gioco della pallacorda, antenato del tennis, ogni volta che la palla si fermava sul terreno di gioco, venivano fatti dei segnali per terra, chiamati “cacce“; ogni 15 cacce si segnava un punto, e così via, fin quando si vinceva il game.

La seconda invece si basa sul fatto che si usava un orologio per segnare i punti, spostandone le lancette di un quarto dopo ogni punto conquistato da uno dei due tennisti, e dunque, quando il giro finiva, terminava anche il game.

Per motivi di pronuncia, il 45 sarebbe stato successivamente scambiato con il 40, definito più armonioso.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

comments

L’acqua ruota in senso antiorario nell’emisfero nord, e in senso orario nell’emisfero sud?

Festa della Liberazione, 25 aprile

Cosa e perché si festeggia il 25 Aprile?