in ,

Perché i cavi si attorcigliano?

Una sofferenza ogni volta che vogliamo ascoltare la musica con le cuffie, per esempio…

Cuffie, smartphone, musica
Tipiche cuffie con i cavi che si auto-attorcigliano. Ma come fanno?

Uno dei più fastidiosi, tra i piccoli problemi quotidiani in cui si può incappare, è quello dei cavi attorcigliati. Cuffie audio, caricabatterie, cavetti USB: gli esempi sono molteplici, ma il punto in comune è che, appena ne hanno occasione, questi dannati cavi vanno a creare delle composizioni di nodi e intrecci da far invidia ad uno scrittore! Esiste forse una spiegazione per questo misterioso e noioso fenomeno, che ci ruba così tanti minuti nella nostra vita?

Pare che i cavi tendano spontaneamente ad uno “stato con uno o più nodi”, ma perché? Questi stati sono numerosissimi, perché ci possono essere tipi e quantità diverse di nodi, mentre lo stato “ordinato”, senza nodi, è uno solo: la termodinamica ci dice che un sistema fisico tende a portarsi in uno stato che si può realizzare in più modi possibili (per una spiegazione più dettagliata guardate qui). Tutto ciò di cui ha bisogno è qualcosa che permetta il movimento, un po’ di energia, e questa gliela forniamo noi inconsapevolmente, camminando o smuovendo lo zaino / la borsa.

Ci sono anche ricerche scientifiche sull’argomento: due fisici hanno provato con alcuni cavi, di varia lunghezza, posizionati in un box, sottoposto a rotazioni controllate. Hanno scoperto che ci sono dei fattori principali che determinano nodi inestricabili nel giro di pochi secondi: il primo è la lunghezza del filo (assieme alla sua rigidità e diametro), e il secondo è il “tempo d’agitazione”, e il terzo lo spazio a disposizione. Più è lungo, flessibile, sottile il filo e più è probabile che si annodi; la probabilità aumenta anche all’aumentare del tempo e dello spazio a disposizione.

Come fare per evitare tutto ciò?

In primis, i cavi a sezione piatta anziché circolare sembrano essere molto più difficili da annodare. Inoltre cavi più spessi e rigidi aiutano. Ma noi cosa possiamo fare, se vogliamo tenere le cuffie dal filo circolare e sottile? Be’, si trovano svariati metodi su internet, i più semplici sono: tenere le estremità separate tra loro e dal resto del filo, e soprattutto avvolgere delicatamente il filo attorno a qualcosa.

Seguendo questi consigli risparmierete qualche minuto (e un po’ di nervosismo) ogni settimana, che potrete dedicare… be’, per esempio a leggere Domande Impossibili!

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

comments

Una calcolatrice su una montagna di euro, sia monete che banconote, pronta a calcolare la liquidazione del TFR

Come si calcola il TFR?

Un bambino che sbadiglia profondamente

Perché lo sbadiglio è contagioso?