in ,

Perché ci sono le stagioni?

E, be’, perché 4 e non 5?

pizza quattro stagioni
Gnam!

“Non ci sono più le mezze stagioni!”: questa frase è ormai il luogo comune per antonomasia, un meme, potremmo dire. Tutti sappiamo che le stagioni sono quattro: primavera, estate, autunno e inverno. Ma sappiamo anche perché esistono, e perché sono proprio quattro?

Le stagioni astronomiche devono la loro esistenza all’inclinazione dell’asse (di rotazione) terrestre, di circa 23° 27′, rispetto alla perpendicolare al piano dell’orbita terrestre attorno al Sole. Infatti se l’asse di rotazione fosse perfettamente perpendicolare l’esposizione al calore e alla luce in una data porzione del pianeta sarebbe costante durante l’anno, quindi niente stagioni.

Una stagione è l’intervallo di tempo che sussiste tra un equinozio, cioè i due giorni in cui “notte” e “giorno” hanno la stessa durata, e un solstizio, cioè i due giorni in cui si ha la “notte” più lunga e quella più breve. Perciò l’orbita terrestre viene divisa in 4 parti uguali, da cui le stagioni come le conosciamo noi.

Quando un emisfero si trova in inverno i raggi solari colpiscono la superficie più inclinati rispetto all’orizzonte, quindi si ha un minore grado di irraggiamento, mentre d’estate i raggi sono molto più prossimi alla perpendicolare e si ha un maggior irraggiamento. Il ciclo delle stagioni di un emisfero è l’opposto di quello dell’altro, come si vede nell’immagine.

Ma… esistono anche le stagioni meteorologiche!

Infatti la suddivisione meteorologica dell’anno tiene conto dei mutamenti climatici e ambientali che avvengono in un dato luogo nel corso dell’anno: nelle zone temperate, come quella in cui si trova l’Italia, si distinguono in genere quattro stagioni meteorologiche approssimativamente simili a quelle astronomiche * (anche se la durata può variare secondo condizioni locali); nelle regioni polari si distinguono due sole stagioni (spesso denominate semplicemente estate e inverno) determinate dalla presenza o meno del sole (sopra l’orizzonte); nelle zone tropicali generalmente si suddivide l’anno in due sole stagioni, stagione delle piogge e stagione secca.

* convenzionalmente si ha: primavera 1º marzo – 31 maggio, estate 1º giugno – 31 agosto, autunno 1º settembre – 30 novembre, inverno 1º dicembre – 28/29 febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Nerd e Geek differenze

Che differenza c’è tra nerd e geek?

Gatto beve della ciotola

Perché il gatto mette i giochi nella ciotola?