in , ,

Il ventilatore è pericoloso? Si muore?

Se lo chiedeste a un coreano vi risponderebbe molto probabilmente di sì…

Mortale, eh?

La morte da ventilatore è una leggenda metropolitana originatasi nella Corea del Sud e diffusa in altri paesi dell’Estremo Oriente. Non si sa come sia nata, ma paure sui ventilatori elettrici si sono diffuse dalla loro introduzione nel paese, ventilando (eh-eh) rischi di nausea, asfissia, e paralisi facciale!

La superstizione vuole che un ventilatore elettrico, se lasciato in funzione di notte in una stanza chiusa, può provocare la morte delle persone che vi si trovano all’interno. Questa leggenda è così diffusa che alcuni ventilatori venduti in Corea del Sud sono forniti di un controllo a tempo che spegne il ventilatore dopo un certo numero di minuti e di istruzioni che mettono in guardia dall’uso notturno dell’elettrodomestico.

Ogni estate in Corea i giornali danno molto risalto alle numerose morti dovute, secondo loro, ai ventilatori lasciati inavvertitamente in funzione durante il sonno. Le cause addotte sono svariate:

  • ipertermia, cioè se la cosiddetta temperatura percepita è superiore ai 32° il movimento dell’aria genera effettivamente un maggiore stress termico sul corpo, infatti in tal caso si sconsiglia l’uso del ventilatore in una piccola stanza chiusa;
  • ipotermia, all’opposto, si ha quando la temperatura del corpo scende troppo, come spiegato qui; ma ciò è impossibile, a meno che non si parta già da temperature molto basse (perché usare il ventilatore, quindi?);
  • asfissia, nel senso che per qualche motivo il ventilatore dovrebbe lasciare l’anidride carbonica espirata dal corpo vicino ad esso, facendo mancare l’ossigeno, ma ciò non sembra nemmeno plausibile.

Se non vagamente la prima, sono molto improbabili, quindi potete stare tranquilli… non si muore!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

comments

Vaccini-obbligatori

Quali sono i 10 vaccini obbligatori?

Bancomat atm carta di debito

Perché il Bancomat si chiama carta di debito?