in ,

I pesci rossi hanno la memoria di 3 secondi?

No, decisamente no, anche questo mito è sfatato!

Un tipico pesce rosso
"Per chi mi hai preso, per un idiota? Bah."

“Avere la memoria di un pesce rosso” è un’espressione parecchio comune, che deriverebbe dal fatto che la memoria di questo pesciolino, comune abitante delle nostre case e di molti laghetti, sia di soli 3 secondi. Ma sarà vero?

No, non è vero, è solo una leggenda metropolitana. Parecchie ricerche smentiscono questa tesi, implicando che i pesci rossi ricordano le cose per molto più di soli tre secondi.

In uno studio, viene aggiunta una leva nell’acquario, premendo la quale si ottiene del cibo. Una volta imparato a premerla, il pesce vi ritorna regolarmente per ricevere il cibo. Ancora più incredibilmente, il pesce rosso ha imparato a premere la leva nel giusto momento della giornata! Infatti successivamente i ricercatori hanno impostato il sistema in modo che la leva dispensasse cibo solo in una finestra di tempo di un’ora… e il pesce ha imparato a tornare ogni giorno verso la stessa ora!

In un altro studio viene usato il suono per addestrare i pesci. Un certo suono veniva riprodotto ogni volta che il pesce veniva nutrito, il che lo induceva ad associare quel suono al cibo. Il pesciolino è stato poi rilasciato in natura per circa cinque mesi. Passati i cinque mesi, e reintrodotto il pesce nell’acquario originario, il suono veniva riprodotto di nuovo e il pesce tornava al suo “posto di alimentazione” originale!

Ovviamente niente di tutto ciò sarebbe stato possibile se la sua memoria durasse solo pochi secondi, ergo: mito sfatato!

Bonus: se avete un pesce rosso a casa potete fare qualche piccolo esperimento simile voi stessi, ovviamente senza stressare il pesce e trattandolo sempre con cura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Perché i capelli si arricciano con l’umidità?

Coccodrillo disteso che verso fa

Che verso fa il coccodrillo?