in

Come e quando si usa il congiuntivo?

È bene saperlo per evitare strafalcioni…

Strafalcione congiuntivo

Il congiuntivo è un modo verbale della lingua italiana (e di altre lingue, tra cui le lingue romanze) la cui funzione principale è quella di indicare un evento soggettivo, non reale/sicuro, ipotetico etc. Rispetto all’indicativo che esprime il piano oggettivo della realtà, il congiuntivo sottolinea invece la dimensione soggettiva, individuale.

Il congiuntivo italiano ha quattro tempi:

  • Congiuntivo presente (che io arrivi, che io possa, che io senta);
  • Congiuntivo imperfetto (che io arrivassi, che io potessi, che io sentissi);
  • Congiuntivo passato (che io sia arrivato/a, che io abbia potuto, che io abbia sentito);
  • Congiuntivo trapassato (che io fossi arrivato/a, che io avessi potuto, che io avessi sentito).

Ma quando bisogna usarlo esattamente?

  • Nel periodo ipotetico: per l’esattezza nella protasi, che esprime la condizione per la quale si verifica o non si verifica ciò che è espresso nella apodosi (per es.: se dicessi questo (protasi), sbaglierei (apodosi)). Allo stesso tempo però non va usato sempre (es.: se sei sicuro, vai), ossia si usa l’indicativo se nella protasi si vuole esprimere una certezza.
  • Con alcuni verbi che reggono i congiuntivo: tra questi abbiamo i verbi putativi, che esprimono un pensiero od opinione (es.: penso tu non sia capace, non crede che tu ce la possa fare), i verbi che esprimono desiderio o volontà (es.: desideravo che fosse diverso, vuole che te ne vada subito), speranza o paura (es.: temo che questa legge non valga più, spero sia come dici), incertezza (es.: non so se lui sia scemo o faccia finta), stati d’animo (es.: era contenta l’avesse pensata), e in generale tutti quelli che esprimono soggettività.
  • Con alcune congiunzioni e locuzioni: condizionali (es.: ti aiuterò purché tu faccia il bravo), modali (es.: si imbacuccano come se dovessero andare al Polo), finali (es.: basta poco affinché le persone ti vogliano bene), concessive (es.: benché avesse copiato, non aveva superato l’esame), temporali (es.: usciamo prima che piova), limitative (es.: non andrò con lui, salvo che mi chieda scusa).
  • Con molti verbi ed espressioni impersonali: bisogna che ti svegli presto domattina; era impossibile che fosse così stupido; bastava che me lo dicessi.
  • Nelle frasi interrogative indirette: mi chiese quanti anni avessi; mi domando se ne sia in grado.

Ci sono ovviamente alcuni altri casi in cui sarebbe auspicabile usare il congiuntivo, altri in cui si può usare al posto dell’indicativo per dare una sfumatura di incertezza alla frase, ecc, ecc.
L’importante è non commettere strafalcioni!

Bonus: il classico “se io avrei” non è sempre necessariamente sbagliato: non lo è per esempio nella frase (interrogativa indiretta) “mi chiese se (io) avrei avuto tempo per lei“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un navy ripara una conduttura dell'acqua

Perché quando fa molto freddo le tubature possono esplodere?

Uomo che starnutisce.

Perché starnutiamo?